Back to Question Center
0

Burberry spinge in Cina come aumento delle vendite di mezzo anno

1 answers:

Burberry Pushes into China as Half Year Sales Rise

"C'è uno slancio in termini di strategia, vendite e profitti", ha detto Stacey Cartwright, chief financial officer. La società ha registrato una crescita delle vendite dell'11% nel secondo trimestre conclusosi il 30 settembre e un aumento delle vendite del 17% nel semestre.

Il fatturato è salito a 382 milioni di sterline (circa $ 604 milioni) da 343 milioni di sterline (circa $ 543 milioni) nello stesso periodo del 2009. Mentre gli aumenti hanno battuto i 367 - autoremonditöökojad tallinnas. 8 milioni di sterline ($ 582,6 milioni). stima del mercato, la crescita è stata più lenta del 27% di aumento delle vendite nel primo trimestre.

Ciononostante, Angela Ahrendts, ceo, ha affermato che Burberry si aspetta che il profitto per l'intero anno sia nella metà superiore delle aspettative del mercato. "L'innovazione continua del prodotto, le iniziative di assistenza clienti e digitali, insieme alla recente acquisizione delle nostre attività di vendita al dettaglio in Cina, rafforzano la nostra fiducia nell'offrire una crescita sostenibile a lungo termine. "

China Expansion

Come molti altri marchi di lusso, Burberry sta guardando verso l'Asia per la sua maggiore crescita. A luglio, la società ha acquistato il suo partner in franchising in Cina per $ 107. 7 milioni.

Quest'anno la Cina ha contribuito al 4% di questa crescita. Le vendite di negozi comparabili sono aumentate del 9% nel primo semestre, con un aumento del secondo trimestre dell'8% più lento rispetto all'aumento del 10% nel primo trimestre, ma su comparabili più severi. La società ha citato forti vendite di capispalla e grandi pelletteria, nonché delle sue linee Prorsum, scarpe e abbigliamento per bambini.

Le strategie di riapprovvigionamento, inventario e prezzi introdotte durante la seconda metà dello scorso anno hanno portato a un miglioramento sostanziale del margine lordo in questo primo semestre, ha detto la società.

Per area geografica, Asia Pacifico ed Europa hanno continuato a registrare una crescita delle vendite di negozi paragonabili a due cifre, con Hong Kong, Regno Unito, Italia e Francia tra i mercati con le migliori performance.

Le entrate all'ingrosso (esclusa la Cina) sono cresciute del 21% a tassi di cambio costanti, leggermente superiori agli orientamenti. Ciò riflette in gran parte il rifornimento da parte dei clienti all'ingrosso, a seguito della riduzione della domanda nello stesso periodo dell'anno scorso. L'Asia del Pacifico, le Americhe e i mercati emergenti hanno tutti mostrato una crescita all'ingrosso superiore alla media, mentre in Europa, la più grande regione all'ingrosso del gruppo, le vendite sono state leggermente in anticipo rispetto allo scorso anno.

6 days ago